Un po’ di Tristano

30123741_231008794140695_7297676707564093440_n

 

 

Ci sono stati molti anni in cui ho seguito Kaufmann in ogni sua nuova avventura musicale e non me ne sono mai pentita anche perché non mi ha mai deluso , perlomeno quando c’era!

Poi un certo numero di defezioni , sempre più o meno giustificate dalla mancanza di forma ottimale o peggio dalla malattia improvvisa mi hanno fatto trovare come una scema a Londra ( un paio di volte ) e addirittura a Bucarest!

Se poi torno molto indietro ci sono le defezioni di Vienna , di Monaco , di Roma …

Il mio personale carnet di delusioni comincia ad essere abbastanza pieno e se a questo aggiungo l’età che pericolosamente avanza mi spiego la decisione saggia quanto basta di non avventurarmi oltre oceano per questa tanto attesa performance pre – Tristano di Boston.

Ma , se il cervello e la tasca hanno ragionato bene , il mio cuore no e adesso mi devo contentare dei piccoli inserti che generosamente l’Orchestra di Boston ha messo in rete.

Dal poco che ho visto , e dalla ampia intervista fatta al giornalista di Boston (  al solito un nome italiano) si capisce che questa “ generale”  lontana da casa è stata ben programmata dall’Ufficio stampa e dalla sua Agenzia.

Ovviamente è andata benissimo , la partner un po’ meno importante di lui ( vestita come un paralume) il direttore d’orchestra amico , la sala dall’ottima acustica .

Come al solito Kaufmann ha trionfato , e chi ne dubitava?, per la gioia delle migliaia di fans americane che potranno apprezzarlo ancora nella replica e poi nella terza tappa alla Carnegie Hall a NewYork.

Non mi resta neppure per  consolarmi di fare come la volpe con l’uva : c’è andato e ha cantato benissimo  .

Questa volta ho sbagliato a non programmarmi la gita americana , in fondo il dollaro è sceso e andare negli USA non è poi tanto più costoso delle solite trasferte salisburghesi….

C’è da sperare solo che , andata bene la trasferta americana , si azzardi a replicare in Europa in attesa dell’ormai molto annunciato Tannhäuser.

 

 

 

4 thoughts on “Un po’ di Tristano

  1. Ma come, strappazzarti in tale maniera per il solo secondo atto, in versione di concerto, poi? La prova è andata bene, ora vedrai che l’opera si farà molto più vicino a casa. (Petrenko? e accanto a chi? ah! se il mio sogno si avverasse!!)

    • Ieri ho rivisto il Tristan della Scala 2007 diretto dBaremboim e la regia di Chereau…..una meraviglia …

      • L’ho visto – ero ancora Parigina. Grande Waltraud Meier (che ho visto nel ruolo l’anno seguente a Bastille, sotto Bychkov in un’altra produzione.) La smorfia di dolore de Barenboim quando gli applausi sono scoppiati troppo presto, senza lasciare un attimo di silenzio, a fiato sospeso, dopo quel delirio supremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

today football predictions from the experts today football predictions best football predictions and betting tips
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: