Milano-scalanotte

Una telefonata alle tre e un quarto

Quando alle tre e un quarto un famoso giornalista e scrittore che mi onora della sua amicizia mi manda un messaggino con scritto semplicemente : Indovina chi canta Florestano stasera alla Scala? Io ho risposto con un NOOOOOOOO… guardando l’orologio, sapendo gli orari dei treni per Milano e non possedendo un jet privato ho capito che una grande tragedia stava abbattendosi sul mio capo.

Allora generosamente ho avvisato i due amici milanesi, che fortunati loro, potevano buttare a monte tutti i loro impegni, le loro vite e precipitarsi a teatro perché il miracolo (per la verità un’amica siciliana me ne aveva profetato…) il 10 lo può fare…Monaco-Milano in macchina che ci mette…10616400_10204343090469989_257782963878502613_n

Così mi perdo Florestano cantato da Jonas, in più alla Scala…

Poi cosa facciamo per le repliche future? Io ho il biglietto per Vienna alla Konzerthaus per sabato e poi, conoscendo a memoria tutto il calendario di Jonas, ha anche un San Pietroburgo dopo due giorni. Fa in tempo a tornare per le ultime repliche o il titolare guarisce in tempo?

Sono le sette e mezzo, stasera mi sento come un ragazzino a cui hanno levato un regalo bellissimo e insperato. Quando mi ricapita più una fortuna simile?

Lo scorso anno mi ero fatta venti ore di treno per le tre ore scarse di una Tosca col sostituto di lusso, proprio in questi giorni.

Una preghiera carissimo Jonas: A noi che ti amiamo così tanto mandaci un messaggino privato quando parti da casa, così c’è almeno la speranza che qualcuno ce la faccia a venirti a sentire quando canti in patrio suolo italico.

                                                Con affetto, toi toi toi…