IMG_0817 tagliata1

Laudatio per l’assente

Avrei voluto cominciare a riempire il mio nuovo spazio del blog con un articolo sul rientro di Jonas Kaufmann dopo un lungo mese di assenza dai palcoscenici di tutto il mondo.

Invece mi tocca fare un articolo sul cambiamento del nostro mondo velocizzato dal web.

Ebbene, la notizia della defezione del caro tenore alla premiazione degli Echo Klassic al Gastaig di Monaco è arrivata in rete esattamente alle 18 e 23 , non dalla Germania che sarebbe stato quasi logico (in fondo lo spettacolo, in differita in tv alle 22 su ZDF ) si era svolto in diretta alle 16, ma addirittura dagli Stati Uniti !

Poi in un vorticoso giro del mondo in pochi minuti la notizia è rimbalzata in Francia, in Germania, in Polonia. Addirittura una brillante signora argentina ha mandato una mail infuocata agli agenti del caro tenore che stanno a…New York.

Anch’io ho avuto un attimo di smarrimento leggendo la notizia: alle affezionate ammiratrici del fantastico artista era un po’ pesata una lunga serie di defezioni in tutta Europa.

Ma si sa, i cantanti si ammalano come tutti i comuni mortali e per rimettersi gli ci vuole un po’ più di tempo , loro lavorano con la voce che non è uno strumento che si può mandare ad aggiustare dal liutaio.

IMG_0817Quello che però questa volta ha fatto un po’ la differenza è che, praticamente cinque minuti prima dello spettacolo, al telegiornale delle 21 e 45 ancora annunciavano trionfalmente la presenza di Kaufmann tra i premiati e la faccia triste di Carreras che doveva fare la laudatio del Nostro ci confermava che la defezione era veramente stata annunciata last minute.

Fra i tanti pensierini della sera me ne è venuto uno morettiano : vi ricordate la frase “mi si nota di più se ci vado e sto zitto oppure se non ci vado per niente ?

E giù un pezzettino del video di Berlino con il pezzo che avrebbe dovuto cantare in diretta.

Vorrei tranquillizzare lo staff dell’artista: il CD e DVD si vendono lo stesso, anche senza questi

scherzi cattivi dell’ultima ora.

Il problema invece riguarda il futuro: il calendario sia ufficiale che ufficioso prevede la presenza (al freddo di Berlino) di Kaufmann per la cerimonia di commemorazione per il 25° anniversario della caduta del Muro il 9 di novembre, il ritiro di un premio (Bambi, sic!) il 13 del medesimo novembre e udite udite la prima della Manon Lescaut di Puccini a Monaco il 15.

Evento attesissimo anche per la presenza di quell’altro mostro sacro che è Anna Netrebko

tanto che le sette repliche sono già tutte sold out da tempo.

Allora la domanda vera è: riusciranno i nostri piccoli spettatori, tra i quali tristemente, e solo per l’ultima replica ci si mette anche la sottoscritta, ad avere la speranza di vedere e soprattutto di sentire dal vivo il grande cantante ?

Ed ecco il mio appello finale:

Caro Jonas, credimi, noi ti vogliamo bene e anche se non sei al massimo della tua forma noi ti amiamo lo stesso, lo so che già il tenore sostituto fa i vocalizzi, ma noi ti vogliamo rivedere con o senza i famosi ricci che sadicamente ti stai tagliando, con o senza il braccialetto estivo, con o senza la forma fisica di cui vai così fiero.

Curatevi… mertate un avvenir migliore…con affetto
Adriana