Otello versus Otello

  

Momentaneamente ( spero) a mobilità ridotta ,per festeggiare il Nostro mi guardo in sequenza l’Otello di Londra e quello di Monaco , questo secondo praticamente in simultanea della ripresa.

A Londra c’era Shakespeare , ridotto abilmente da Boito , al quale vanno perdonati “il ciurmador, Il mio pensiero è fello e soprattutto il ridicolo orai”…

ma soprattutto si sente tutta la forza del vecchio Verdi e c’è una logica orribile e facile insieme che è alla base della potente e straordinaria storia del Moro di Venezia.

Nella , per me sbagliatissima versione monacense c’è una signora che evidentemente ama di più le donne , ma non nel senso della  la povera giovinetta ingenua veneziana che cade in una trappola tanto semplice quanto inevitabile.

No , qui la signora Niermeyer ha deciso di raccontare di una signora stanca del marito un po’ cotto in tutti i sensi  e che ama giocarci un po’ come il gatto col topo.

Ma poi non torna il discorso , perché con questa logica il tradimento con il giovine Cassio ci starebbe tutto , un po’ meno la reazione dolente , rabbiosa e folle del marito .

Insomma ci racconta una storia ben recitata , accurata ma in lieve slittamento tra la musica , il testo e la rappresentazione che ne vuole dare .

Le sarebbe probabilmente piaciuto cambiare anche il nome del protagonista , a lei interessa molto più Desdemona agée che non lo stanco soldato ( peraltro interpretato magistralmente dal solito attore / mostro che riesce ,obbediente da vero professionista tedesco ad attaccare “ il carro dove vuole il  padrone”.

Dal confrono tra le due versioni è talmente vincente quella londinese da non lasciare il benchè minimo margine di dubbio , perchè anche il vituperato Vratogna risulta più aderente al ruolo del manierato Finley , che in qualche momento sembra addirittura uscito da una rappresentazione mozartiana , periodo Da Ponte.

Quello che invece Monaco ci regala è la lettura sublime di Petrenko , io amo tantissimo Pappano e il suo Verdi è forte e ineccepibile , ma Petrenko tira fuori dall’orchestra e dal coro momenti quasi inediti della partitura , non so giudicare musicalmente , sono una orecchiante ascoltatrice e forse la sua potrebbe essere una interpretazione molto personalizzata .

Certo che ascoltato ad occhi chiusi questo Otello resterà una straordinaria pietra di paragone.

One thought on “Otello versus Otello

  1. Sono totalmente d’accordo con te Adriana, una volta ho commentato questo Otello e siamo ampiamente d’accordo. Musicalmente è difficile decidere, entrambi i Maestri sono sublimi e ognuno porta la meraviglia della loro conoscenza e sensibilità, io resto con entrambi ♥

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

today football predictions from the experts today football predictions best football predictions and betting tips
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: