Otello ovvero l’angelo mortuario

 

IMG_1378

 

 

Grazie al satellite Astra riesco a vedere sul mio televisore di casa l’Otello del Festival di Pasqua di Salisburgo.

Nostalgia di quando lo scorso anno ero li con la splendida doppietta Cavalleria Pagliacci dell’amatissimo mio tenore .

Ma tant’è , non è sempre possibile averlo protagonista di sogno e se il fato , le sue corde vocali e il mio destino lo consentiranno forse quel suo Otello tanto atteso lo sentirò a Londra il prossimo anno.

So che Thielemann ha tenacemente voluto quest’opera e mi domando perché lui si intestardisca a volere dirigere qualcosa che non sia strettamente tedesco .

Non mi pare che Verdi sia proprio nelle sue corde , ma questo è un appunto che lascio a chi di musica ne capisce più di me.

Vengo all’opera . Josè Cura , una volta giovane promessa lo avevo visto una ventina di anni fa proprio in Otello :era giovane e magro , me lo ricordo a dorso nudo …e tu mi amavi per le mie sventure e io ti amavo per la tua bontà…un brivido!

Stavolta il brivido iniziale me lo da alla rovescia . Il suo Esultate ..mamma mia , che tremore nella voce ! Domingo proteggilo tu.

Tutto buio in scena e ci volteggia un Angelo della morte onnipresente e bellissimo.

Stanno tutti appiccicati al proscenio , le luci sono tagli bassi laterali molto ruffiani , il coro canta in lingua praticamente sconosciuta ma c’è un grandissimo Jago : Carlos Alvarez , vale quindi la pena di seguitare a sentire l’opera.

Cura , invecchiato e ingrassato ha però stranamente mantenuto un credibile phisique du rol ed ha ancora una certa presenza scenica .

La voce d’antan è un ricordo ma la capacità di recitare ci sarebbe anche se la regia demenziale oltre a fargli cadere un piattino di mano altro non fa: però sappiamo che Otello prende il caffè.

Desdemona di Dorothea Roscmann ha una bella voce , non la conoscevo , canta nel solito indefinito italiese e purtroppo la dizione già difficile nella tonalità sopranile non ce l’ha proprio , fortuna conoscere il testo , anche perché i sottotitoli in tedesco francamente li ignoro.

Ma i registi oggi se le inventano tutte per farmi arrabbiare, questo si chiama Vincent Boussard e alla fine il vestito di Desdemona lo fa pendere su una gruccia dall’altro sulla scena mentre lei canta la sua canzone del salice.

Poi Otello la strozza ma lei si rialza e se ne va tranquillamente dietro le quinte .

Allora cosa fa l’infuriato e geloso protagonista ? Strangola l’angelo mortifero che riappare in cenci dismessi e addirittura accecato da fasce drammaticamente disposte a nascondere il volto.

Resta il vestito ciondoloni , “ niun mi tema” ,anche questo Otello possiamo accantonarlo senza rancore:

quasi una vergogna per un Festival così altrimenti paludato come quello di Salisburgo.

 

 

 

 

7 thoughts on “Otello ovvero l’angelo mortuario

  1. Grazie – ho fatto una bella risata. Io lo vidi una volta a Budapest con sottotitoli in ungherese (una lingua a me impenetrabile). Iago era salito sul lato sinistro del parapetto del castello per “Credo in un dio crudele”, e mentre cantava,,le due metà del parapetto si ravvicinavano pian piano dietro le sue spalle per raggiungersi proprio al momento in cui s’interruppe per guardarsi intorno con grande cautela prima di “E poi…e poi…la morte”. Sembrava controllasse che il parapetto fosse chiuso per bene, piuttosto che assicurarsi che nessuno lo ascoltasse di nascosto.
    Perché Thielemann si ostina a fare le opere italiane? senz’altro perché tutti dicono che non n’è capace.

    • Sulla proma parte hai fatto fare anche a me una bella risata.
      Sul perche’ Thielemann si ostini a dirigere quello che proprio non gli e’ congeniale resta il mistero …eleusino.

  2. Io come sai non ho visto l’Aida di Monaco, da te cosi’ tanto criticata, ma ieri ho trovato due clips da you tube e le ho trovate splendide: una con la Krassimira ed una con la Amneris russa. A che cosa e’ dovuto questo splendore? Non mi importa che Jonas avesse le scarpe da tennis con la corazza tipo barattolo: quando loro,cantano e recitano sono incredibilmente credibili come Radames e Aida od anche Amneris. E’ lui che da’ l’impronta a tutto, e’ lui che fa cantare da dio le sue partners, e’ lui che annulla d’un sol colpe le orrende messe in scena: non c’e’ niente da fare, e’ cosi’. Nostalgia dell’anno scorso? Ti capisco perfettamente, io ho nostalgia SEMPRE, perfino di quello che lui non ha fatto ancora!!

    • Se tu tornassi a rileggere il mio pezzo dello scorso anno vedresti la mia critica , feroce , in generale del vecchio allestimento , ma avevo anche scritto che verso il finale JK riscattava con un paio di scene la brutta messinscena che brutta era e vecchia e brutta rimane.
      Ovviamente il BSÖ mette i due pezzetti ruffiani , ma ti prego nota la poverta’ delle scene anzi della scena e la bruttezza dei costumi. Le povere donne in abiti che definirei imbarazzanti….
      Certe volte e’ meglio accontentarsi di YouTube….

  3. Mi piace moltissimo quando parli d’opera,anche melomana,ma non riesco ni per sogno il tuo libello.
    Ho ascoltato tante volte a Carlos Alvarez,anche al suo inizio tanti anni fa,a un concerto organizzato da Placido Domingo.
    Nel 91 ho avuto il privilegio di assistere al Otello di Placido Domingo,meraviglioso!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

today football predictions from the experts today football predictions best football predictions and betting tips
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: