Due poesie

2007-06-21 003

Duecento anni fa nella natia Recanati il giovane infelice conte Giacomo Leopardi scrisse la più bella poesia mai scritta nella lingua italiana.

L’infinito è un mare nel quale siamo naufragati tutti , un mare dell’anima , un mare che diventa vivo quando ci si affaccia da quel colle dietro la casa avita  e si scoprono le bellezze struggenti  di questa terra benedetta che sono le Marche classiche.

L’infinito è una parola che si fa musica , un Lied senza essere un Lied e mi sono domandata spesso perché nessun musicista si sia avvicinato a quei versi perfetti per accompagnarli , forse perché sono scritti in una lingua di per se già musicalmente perfetta e poi si sa , in Italia non abbiamo mai avuto una tradizione di tipo germanico nel musicare i versi dei poeti.

Eppure quando per la prima volta ho sentito un dolcissimo Lied : Mondnacht di Schumann ho pensato a Recanati , i versi di Joseph Von Eichendorff si sono intrecciati emotivamente dentro di me.

Forse qualcuno arriccerà il naso per un paragone un po’ osé, ma quello che voglio tentare di spiegare è qualcosa di particolare ,quando rileggo la dolcezza infinita leopardiana ben più profonda e complessa della seppur bellissima lirica tedesca mi si apre l’animo e io ripenso anche a quel volo dell’anima descritto nei versi tedeschi.

Il nobile conte originario della Slesia e il nobile conte italiano hanno scritto versi mirabili , non so per quale strada sono arrivata a questa similitudine spirituale . Forse la mia anima ha capito quel volo nella notte di luna germanica pensandola sulle messi dorate delle colline marchigiane.

https://www.youtube.com/watch?v=nzvfvDBooPg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

today football predictions from the experts today football predictions best football predictions and betting tips