Ricchi e poveri

La deplorevole vicenda della scuola romana che mette tra le caratteristiche atte a invogliare l’iscrizione ai nuovi alunni il fatto che in quel plesso siano ben distinti “ i ricchi dai poveri” non è , come si può pensare solo un errore di comunicazione o peggio un pensiero condiviso tra chi ha pensato questa bella trovata per richiamare “clienti” e quella borghesia diffusa che a questi richiami offre la sponda di consenso.

In questo caso i docenti c’entrano poco , spesso e purtroppo secondo me , solo donne , preoccupate di fare al meglio il proprio lavoro in classe per poi correre nella vita vera fatta di famiglia , orari , incombenze sociali.

Il problema è nei gangli alti della scuola , nasce nelle segreterie ottuse molto di quello che la scuola offre ai suoi fruitori.

A fronte di pochi/e figure dirigenziali preparate ci sono una miriade di pseudo docenti che hanno scelto la via burocratica del comando , spesso senza avere un vero contatto con i propri collaboratori –insegnanti.

Ho passato troppi anni a margine di varie scuole ( anche se vengo da una famiglia di docenti ) in qualità di genitore e /o operatore culturale impegnato per non sapere che a scuola si combatte soprattutto contro l’imbecillità di vertice.

E’ sempre riduttivo parlare di sé , ma quando si è visto uccidere una bellissima attività teatrale classica in una scuola a carattere umanistico per ribadire attraverso una serie di norme burocratiche che certe esperienze  non sono in linea con le norme scritte  non ci si meraviglia che dalla scuola escano certe belle iniziative  classiste come quelle della scuola romana.

Ho passato anni ad ascoltare in convegni dedicati le geremiadi contro l’ottusità di vertice , la pietra d’inciampo delle iniziative migliori è sempre nascosta tra le pieghe burocratiche che uccidono il vero rinnovamento della scuola italiana che invece ha i suoi meriti proprio nella qualità diffusa dei docenti ,nell’ampiezza dei programmi che spesso ahimè si arretrano “ all’utimo trimestre “ per cui si lasciano fuori le ultime pagine del programma , quello poi che spesso saranno il tema della verifica finale di valutazione degli studenti.

Questa mia modesta riflessione “ a margine” potrebbe aprire un vero momento di riflessione sul tema.

Sarei contenta di avere contribuito ad aprire una finestra chiusa , dietro i cui vetri impolverati si nascondono tanti problemi irrisolti che riguardano la vera formazione dei futuri cittadini.

Password

Ho un incubo ricorrente : devo cambiare la password bancaria.

E’ diventato una specie di percorso ad ostacoli e quando alla fine , esausta , riesco ad ottenerla penso con terrore che tra qualche mese la storia si ripeterà.

Ho realizzato una specie “Rosetta stone” nella quale ho messo tutte quelle dannate combinazioni di date , nomi , cifre pazze che sono il mio patrimonio di codici necessari alla vita quotidiana.

Devo prendere un treno ? occorre il codice .

Devo fare un acquisto on line , idem.

 E così via , per la Wifi , per la Tv a pagamento a così enumerando.

Senza contare tutte le App che uno si crea per complicarsi la vita .

C’è poi quel  momento di panico al supermercato perché la pass a cui ero tanto affezionata ho dovuto cambiarla perché mi si è smagnetizzato il Bancomat e allora ricorro a mille sotterfugi mnemonici per riappropriarmi della formula magica.

Un tempo , assai lunge non ora (cit. pascoliana ) scrivevo  la famosa pass camuffandola sulla rubrica telefonica , ingenuo e inutile strattagemma perché nel caso di perdita della rubrichetta cartacea anche lo scemo del villaggio avrebbe individuato la magica formula nascosta sotto il numero di casa dei miei genitori:

Ormai quelle ingenuità non le coltivo più : sono diventata una macchinetta numerica .

Penso seriamente che se un ragazzo geniale scoprisse un metodo ( anche questo informatico ovviamente ) per bypassare tutte queste complicate gimcane mnemoniche farebbe un grosso affare .

Ovviamente si tratterebbe di qualcosa come “ Il cunto de li cunti “ digitale.

Butto là la proposta , in attesa del genio matematiche che risolva la questione, viaggio armata della piccola Bibbia informatica.

E soprattutto conto sulla nipote geniale che mi aiuta nei momenti di panico per quello che per me è motivo di stress. In certi momenti di sconforto penso che stiamo campando un po’ troppo rispetto alla velocità con cui cambia anche la vita quotidiana sotto i nostri occhi.

L’uomo nero

Ci voleva un pizzaiolo di Sondrio per affrontare un vero problema sociale che ci riguarda un po’ tutti , anziani e no.

Quel pizzaiolo esasperato dal comportamento incivile dei bambini in pizzeria , spessissimo nell’indifferenza e la tolleranza dei genitori , ha messo un cartello affisso all’ingresso del locale nel quale ha scritto che  se i sullodati genitori non avessero cominciato ad educare i proprio figli sul come ci si comporta in luogo pubblico si scegliessero pure un’altra pizzeria dove andare.

La piccola storia ha avuto rilevanza e foto sui giornali , ovviamente anche reazioni scomposte di genitori offesi da cotanto affronto.

Personalmente ho apprezzato il coraggio del pizzaiolo, anche se ultimamente si deve riconoscere che spesso viene dalla categoria “ristoratori “ una specie di galateo aggiornato , tanto che in alcuni locali chiedono di non tenere il telefono sul tavolo , ad ornamento e uso smodato durante il pasto.

Devo dire che sopporto , malamente, da molti anni questo imbarbarimento : bambini che scorrazzano fra i tavoli , invasione verso i tavoli altrui , voci altissime , piatti lasciati a metà : tutto nell’indiffenza genitoriale portata piuttosto al sorriso giustificatore.

Vado spesso all’estero e qualche volta mi domando se quei bambini tedeschi , austriaci o inglesi siano veri o finti .

Non si muovono fino alla fine del pasto , non parlano a voce alta ( peraltro non lo fanno anche ad imitazione degli adulti ) e tutti mangiano più tranquillli , loro e noi.

Ovviamente il discorso lo potremmo anche estendere ad un altro luogo infestato da piccoli mostri urlanti : i treni .

Vero è in questo caso che si arrivi a preferire le piccole pesti agli adulti che ci costringono all’ascolto delle loro vicissitudini umane e ai loro spesso complessissimi problemi lavorativi mediante le interminabili telefonate per le quali speri solo che arrivino zone dove non c’è campo.

La verità di fondo è purtroppo l’amara constatazione che il nostro beneamato paese sia sempre più avviato ad una decadenza educativa che trova puntuale riscontro anche nelle scelte elettorali .

La scelta è tra il chiudersi nel guscio della propria melanconia o fare come quel pizzaiolo “uomo nero” e trovare il coraggio di opporsi con forza alla deriva cafona che ci circonda.

Fantocci da parata

In questi momenti di veri o presunti venti di guerra in Medio Oriente capita che si guardino più notizie in tv.

Succede sempre più spesso di doversi rifare una mappa mentale tra sciti e sunniti , tra Iran e Irak, per poi ripassare anche un po’ di Siria  che sembra un po’ accantonata  per poi soffermarsi sulla tragedia libica , quella a un tiro di schioppo da casa nostra .

Ma oggi non è la politologa da tastiera che scrive , scrive una che guarda il particolare e in questo caso il particolare è la consueta foto di gruppo di Trump contornato dai suoi generali .

Sembrano dei pupazzi con teste intercambiabili : sguardo fisso , leggermente catatonico di chi non pensa (o quantomeno è stato addestrato a non pensare).

Le facce di quei generali , più simili a fantocci da Luna park ( tre palle un soldo ) sono l’immagine di un’America lontana anni luce da quella che fu un tempo l’immagine stessa della democrazia.

Il pazzo nel mezzo si muove tra i due schermi trasparenti dove ha scritto le sue idee sul modo di gestire il mondo occidentale , usa la manina consensiente a ribadire il suo pensiero e quelli dietro , immobili, non pensanti , pericolosamente fissi nel pensiero unico di guerra.

Non so se mi fa più paura lui o il contorno surreale dei “Big Jim” che gli fanno da sfondo.

L’idea neanche tanto folle che il rischio di un conflitto mondiale sia partito dall’ipotesi di una distrazione di massa riguardante il periodo pre-elettorale che riguarda il rinnovo della presidenza USA è molto meno fantascentifico di quanto possa sembrare .

In questo caso viene da dire che forse l’antica saggezza persiana ha avuto la meglio sul farneticante tycoon americano.

Intanto però , mentre il prezzo del petrolio sale non sembrano essere altrettanto antalenanti le   Borse , tutto sommato il mondo dimostra di avere un battito diverso rispetto alle normali reazioni di mercato .

Ma adesso l’economista da tastiera si ferma , mi sembra molto più interessante rientrare nei ranghi e magari raccontare delle reazioni fotocopia delle gupies kaufmanniane nel magico giro concertistico viennese che occuperà i siti dedicati per tutto gennaio.

Epifania

Avvisati da un angelo i re magi

per altra via tornarono alle case..

Stella da traguardare 

per nuove epifanie

cercando di cambiare 

vecchie per nuove vie.

Scrissi questi versi  tanti anni fa , sono la chiusa di un piccolo libro di poesie scritte in un momento duro della mia vita .

Quest’anno , per uno scherzo del calendario l’Epifania arriva lunga , di lunedì.Sembra che le feste si siano allungate anche troppo ,soprattutto perché per  motivi bassamente commerciali il Natale arriva sempre più presto.

Le vetrine con i manifesti dei saldi si intrecciano con i mercatini di Natale, le luminarie festose assumono un’aria già polverosa , sarà bene smontarle in fretta.

Gli esperti ci diranno se ci sono segni di ripresa economica , se le perenni paure ancestrali sono ancora le stesse dell’anno scorso , se il freddo che verrà , insieme alla classica nebbia di gennaio , farà scattare le solite restrizioni sui riscaldamenti troppo alti , sulle marmitte desuete che provocheranno le solite targhe alternate.

Briciole di consapevolezza ambientale , ma sempre troppo poca.

Il solito esperto locale che legge la meteorologia sulle cipolle ci informa che l’inverno sarà ancora freddo e che a giugno arriverà il caldo; meno male che queste sono le notizie importanti del giorno , segno che la stampa locale si è presa un giorno di ferie , a guardarsi davvero in giro per il mondo non ci sarebbe troppo da ridere.

Da martedì tutti tornano a lavorare , i ragazzi a scuola , alla tv ritornano le chiacchiere inutili dei talkshow, la politica italiana credo seguiterà a contare le stelle cadenti e non solo.

C’è anche qualcuno che riprende a cantare le canzoni viennesi , in Germania e  in giro per l’Europa ce ne saranno da leggere di commenti , di foto tutte uguali da rimirare.

Basta restare in attesa , il mio mondo , come dice l’amico triestino ce ne avrà di musica da raccontare e se non l’avessi ancora detto a tutti mi pare utile rinnovare il solito vecchio augurio di buon anno bisesto , senza commenti o considerazioni velatamente ansiogene.

TV per single

San Silvestro per single : formula ormai collaudata anche se quest’anno mi sono divertita più del solito.

Dopo avere perso tempo a cercare di vedere la comparsata di Kaufmann nel Fledermaus da Vienna e avere scoperto che avrei dovuto spendere ben 16 Euro per pochi minuti , convinta che nell’arco di mezz’ora avrei avuto mille modi per vedere lo” spot “augurale del CD Wien , sono rimasta su satellite e ho goduto un bellissimo spettacolo dall’Olimpia di Parigi con Sting , uno un po’ meno interessante ( non è roba per la mia età) di Ariana Grande da Londra e sopratttutto il megaconcertone galattico alla Porta di Brandemburgo da Berlino con tutti ghiacciati , col naso rosso e il vino caldo in mano.

Però il livello delle danze allegro e altamente professionale , le luci perfette consideranto poi che era tutto offerto dalla municipalità ho voluto fare ,per paragonare ,un miniexursus sulle reti nazionalpopolari italiane.

Velo pietoso , da noi la Rai riesce sempre a dare il peggio di sé in simili occasioni .Aria strapaesana , livello bassisimo , avrebbe detto il mitico professor Pazzaglia  ai tempi di Alto gradimento.

Pazienza , ho pensato , mi rifaccio domani.

Intanto la corbelleria di sovrappore il concerto di Venezia con quello mitico (quello vero ) da Vienna. Poi la pena che veniva anche dalle scelte di repertorio : tragedie verdiane , languidezze pucciniane . ma cosa c’entra con Capodanno ?

Anche se i cantanti erano davvero di ottimo livello , se il direttore ( altrove ) è bravissimo si respirava quell’aria di noia , di lieve imbarazzo : come a dire che ci facciamo qui oggi?

Allora si corre a Vienna dove un malvestito , ingrassatissimo Andriss Nelson ci ha regalato un bel concerto ,affatto banale , se vogliamo anche poco usuale nelle scelte, con alcune raffinatezze tipo un quasi inedito Beehtoven e una Dinamic Polka che nascondeva il valzer del Rosenkavalier tra le note.

Poi , quasi un colpo di teatro nel teatro ecco tra  il pubblico JK e signora , con ovvia accelerazione cardiaca delle grupies di tutto il mondo , dietro c’era anche Buckbinder , ma non lo ha visto quasi nessuno.

Sorridente e nostalgico anche Dominique Meyer , in attesa del salto nel buio scaligero che lo aspetta. 

Ferale novella : l’annuncio che l’anno prossimo a Vienna ci toccherà il Maessstro , ma non avevano niente di meglio da scegliere i Wiener?

Comunque sarò diventata di bocca buona ma mi sono piaciuti pure gli inserti danzati , il giro turistico tra le mitiche sale del Musikverein e non mi è sembrato di cogliere ripuliture naziste dalla Marcia di Radetzky.