La Diva Tosca

Quando un Festival come quello di Aix en Provence mette in cartellone un must popolare come Tosca sicuramente non lo fa in modo banale , il risultato è sicuramente stimolante , in parte anche riuscito , ma ci pone alcune domande di fondo sulle quali mi piace riflettere.

In reltà la Tosca di Aix è una sorta di documentario sul mito popolare ,su cosa è nella mente dei molti che all’opera non ci vanno mai, di quelli che la Tosca è “vissi d’arte” e poco più. 

Quegli stessi che magari hanno un vago ricordo dell’unico spezzone tv della Divina per eccellenza : Maria Callas e del suo mitico abito rosso Impero.

Curiosamente ad interpretare il mito si sceglie una che diva non fu se non per essere stata la protagonista di un evento cinematografico girato a Roma : quella “Tosca nei luoghi di Tosca” che fu una operazione brillante  e molto popolare.

Oggi Catherine Malfitano interpreta la Prima donna ossessionata dai ricordi , persa nella sua vita di ex cantante , circondata dai suoi cimeli e forse anche dai suoi rimpianti.

Come riuscire a mettere in scena questa Tosca sul mito di Tosca? Il regista Christophe Honoré immagina un primo atto ( forse il meno riuscito) in cui nel bel salone della cantante arrivano i cantanti e anche i bambini ( quelli proprio lei non li vorrebbe ) e la Master class comincia .

Ovviamente la Tosca è giovane e abbastanza immatura , Cavaradossi invece è stagionato , tanto da usare anche galanterie per la vecchia cantante e,Scarpia senza ghigni e birignao, è forse il meglio riuscito.

Nel secondo atto , con la scena divisa in sezioni , si gioca meglio il momento clou del dramma , anche se con discutibili eccessi di volgarità come la cattiva digestione di Cavaradossi che ne giustifica il malessere o l’abbinamento sessuale tra la violenza di Scarpia e l’amore mercenario di Tosca.

In questo contesto la sfilata di immagini di Divine sul “vissi d’arte” della giovine cantante è la chiave di tutto.

Il terzo atto , scenicamente è forse il più riuscito : tutto si ricompone . L’opera in forma di concerto , l’orchestra sul palco e il l”Lucean le stelle” dedicato alla Tosca spettatrice privilegiata in veli rossi sul palcoscenico.

L’ovvio e a questo punto banale finale vede la Diva uccidersi ,  perduto ormai il suo ruolo cede il campo all’avvenire della giovine che la sostituirà nel futuro.

A questo punto mi pongo le domande : serviva tutto questo per raccontarci una Tosca non convenzionale ? 

e soprattutto può essere questa una strada per riavvicinare i giovani , o meglio tutti coloro che all’opera non ci vanno perché la considerano un’espressione d’arte superata?

Credo proprio di no : Tosca è un capolavoro perfetto musicalmente e scenicamente  e per questo è ancora uno dei titoli più frequenti nei cartelloni di tutto il mondo.

La compagnia di canto è di buon livello : Algel Blue è ancora acerba , come vuole il copione , Joseph Callejia se la cava , anche se notoriamente non è mai un grande interprete e i suoi acuti sono molto strillati , il migliore è Alexey Maikov , uno Scarpia convincente e ben calato nel gioco interpretativo.

La Malfitano , che pure canta la “canzone del pastorello” , con i suoi grandi occhi sgranati buca letteralmente lo schermo, ovviamente tanto abusato da diventare un leitmotiv banale delle attuali messe in scena.

Ora va di moda , come lo furono i cappottoni qualche anno fa.

Gli operatori in scena che salterellano qua e là cominciano francamente a stufare.

Mi è piaciuta la direzione intelligente di Daniele Rustioni , coraggiosamente a capo di un ‘ottima orchesta di Lione , virtuosamente coinvolto a dirigere in maniera anticonformista .

Devo dire , a onor del vero , che a mettere in scena la Tosca- Diva ci aveva già pensato con ben altro risultato e con ben altri interpreti Robert Carsen una quindicina di anni fa a Zurigo.

In morte di un Maestro

I

Lo sapevamo da tempo , il silenzio dopo il drammatico ricovero un mese fa , l’età tanto avanzata , tutto ci portava a pensare che l’ultima notizia sarebbe stata proprio quello che ho letto stamattina .

Però , forse , mi ha colto lo stesso impreparata , perché Camilleri faceva parte di quella rara specie di persone che se anche non lo avevo mai incontrato  era come se fosse in qualche modo una parte integrante della mia vita .

Ricordo esattamente quando una cara amica mi portò in regalo un librino blu della Sellerio :lo aprii distrattamente e vidi che era scritto in uno strano italiano e lo richiusi perplessa, ma quando lo riaprii e cominciai a leggere : era Il birraio di Preston , uno dei capolavori assoluti del grande scrittore ,uno dei suoi più felici libri storici , o per meglio dire di quei libri ambientati in un tempo lontano che ci raccontavano sotto un lieve velo di ironia il mondo di oggi , tra me e l’autore scattò un amore totale , incondizionato.

Ho scritto stamani di avere contati i trentasei libri blu , messi per taglio, più altri nove o dieci libri rilegati , quelli messi diritti ,proprio qua dietro le mie spalle mentre scrivo.

Non sono tutta l’immensa produzione dell’autore, sono quelli che ho sempre preso dal banco della libreria quando entrando ne vedevo la bella pila vicino alla cassa . Si perché Camilleri si vendeva bene , uno scrittore di enorme successo che era anche un grande fustigatore di costumi , un attento testimone del suo tempo ,politicamente e dichiaratamente schierato senza compromessi.

Quello strano italiano abbinato ad un siciliano inventato e prezioso lo hanno reso universale , non so in quante lingue sia stato tradotto , certo moltissime e la sua Sicilia è diventata nel mondo una terra anche più preziosa e universale di quanto sarebbe stato mai possibile immaginare negli anni novanta , quando cominciò il suo successo planetario.

Fra tutti i suoi libri uno in particolare mi è caro : uno strano titolo :L’ombrello di Noè, nasconde alcune preziose pagine sul teatro , lui che oltre a tutto era stato regista , sceneggiatore e insegnante all’Accademia di Arte Drammatica per un ventennio.

Amava il teatro di quell’amore profondo di chi lo sa fare , lo sa vedere , ne sa godere anche da spettatore.

Dietro il fumo della sua eterna sigaretta , con quella inconfondibile voce roca era riuscito lo scorso anno in una serata indimenticabile a immedesimarsi  nel ruolo di Tiresia al Teatro greco di Siracusa .Già cieco , senza nessun riferimento se non la su figura carismatica , aveva incantato gli spettatori silenziosi e meravigliati dalla lucidità del grande vegliardo.

Per fortuna di quella serata esiste la ripresa televisiva ed è un grande esempio di come si possa fare teatro , e che teatro , stando seduto , avendo simbolicamente accanto solo un bambino attento alle sue parole.

Aveva ancora in programma una serata in cui aveva intenzione di raccontarci la storia di Caino , il destino non ha permesso che questa serata , programmata proprio in questo mese  abbia avuto luogo.

So che aveva in mente anche di uccidere Montalbano , il commissario nato dalla sua penna felice , credo che ancora Camilleri farà in modo di stupirci con qualche effetto teatrale e credo anche che si divertisse a pensarlo.

Oggi ascoltavo una sua intervista nella quale rispondeva al giornalista che lo stava intervistando se pensava che l’Italia fosse un paese democratico.

La su risposta sorniona sembrava in prima battuta eludere la risposta : in Italia si fanno prove di democrazia , quando in teatro la prova generale va bene , poi non va bene lo spettacolo (verità assoluta!) ..ecco è bene che le prove vadano male , restiamo più sicuri per la riuscita dello spettacolo.

Ho cenato al Metropol

Correva l’anno Domini 1984 , gran bel viaggio in Unione Sovietica.

Arriviamo a Mosca dopo un lungo giro nell’anello d’oro : le città con tutti i Kremlini e le chiese con i i campanili a cipolla.

in teoria ci saremmo dovuti muovere solo in gruppo con la guida , ma il mio compagno era un po’ anarchico e una sera decidemmo di andare a cena da soli , nel nostro albergo non si mangiava un granché.

Arriviamo sulla Piazza Rossa e vediamo questo albergone illuminato : chiediamo se è possibile cenare : rispondono che dobbiamo pagare in dollari.

Ok.

L’atmosfera è fantastica , il cameriere premuroso ci porta al piano di sopra : nella grande sale suona un’orchestina di donne . Sembra di essere in un film anni trenta.

Occhieggio divertita nei Privé e vedo scenette notevoli: Popi goderecci con eleganti signorine in intime cenette romantiche, uomini stile spie alla Le Carré che mangiano silenziosi .

Ci portano in una sala abbastanza grande da contenere più tavoli. Nel tavolo vicino un’americana in vena di chiacchiere e un po’ su di giri per la vodka: stanno girando un film americano su Pietro il Grande e lei è un po’ stufa delle steppe; si è concessa una cena moscovita.

Menù di tutto rispetto , quello che mi ricordo di più un piatto di funghi con la panna , roba da nouvelle cousine!

Dalla finestra vedo brillare le stelle rosse sulle guglie del Kremlino , la chiesa di San Basilio sembra finta , effetto Disneyland garantito.

Siamo allegramente privi di passaporto che ci hanno ritirato in albergo , ma non ci succede niente di pericoloso. 

Si paga tranquillamente con la Diners e si esce nel bel clima settembrino , accanto alla mura c’è il famoso Mausoleo di Lenin , davanti i magazzini Gum nei quali non c’è praticamente niente da comprare. In metropolitana al ritorno in albergo un cordialissimo ubriaco attacca una delle sue tirate misteriose alle quali mio marito risponde serissimo , da, da da……

Sarei curiosa di sapere se l’albergone illuminato è ancora ben frequentato come nel secolo scorso. Mi pare che ancora ci cenino le spie e i cosiddetti uomini d’affari.

Gli italiani in questo non sono secondi a nessuno.

Ancora su ARTE

Colgo l’occasione del Festival di Aix en Provence per parlare ancora una volta del canale culturale franco/tedesco sul quale si possono vedere preziose e interessanti messinscene , non reperibili altrove.

In realtà . so di ripetermi perché questo argomento lo avevo già affrontato in passato ,il nome ARTE è un acronimo e non va confuso con il canale Sky Arte dallo stesso nome :
ARTE significa Associasion Rélative à laTelevsion Europeenne e fu creato con i soldi della Comunità europea per dare ai cittadine europei la possibilità di vedere “ in chiaro” spettacoli culturali e informazioni. generali.

Anche l’Italia avrebbe potutto partecipare al progetto , ma in quel momento le frequenze a nostra disposizione erano tutte impegnate dai canali berlusconiani e non si trovò il posto per noi!

Ricordo , era il 1992 ,un paginone di Repubblica che denuunciava lo scandalo , poi tutto finì li nell’indifferenza culturale del nostro felice paese.

Ci fu un periodo nel quale questo canale lo si poteva vedere sulla piattaforma Sky poi ovviamente avendo Sky pensato di farne uno con lo stesso nome per vederlo bisogna andare su satellite o attraverso varie piattaforme culturali che nel frattempo sono cresciute come funghi.

Ho un caro amico di web che si fa tutti i Festival possibili , c’è anche Francesco Maria Colombo che segnala queste cose interessanti e io che sono molto curiosa di cose belle  (o meno belle ,ma interessanti) vado spesso su questo canale.

Certo che gli spettacoli si dovrebbe poterli vedere dal vivo e so benissimo che qualunque ripresa tv anche preziosa non ci regala la stessa emozione dello stare lì , magari al caldo estivo provenzale , a godere dal vivo gli spettacoli.

Lo spettacolo di Romeo Castellucci ispirato al Requiem di Mozart è molto suggestivo,riprende la cifra stilistica del regista dai tempi dei Raffaello Sanzio , quando era molto più provocatorio , comunque seguita a raccontare spettacoli molto riconoscibili del suo stile.

L’ascesa e caduta della città di Mahagonny di Kurt Weil su libretto di Brecht ha un atout nella direzione di Esa Pekka Salonen e una regia interessante di Ivo Von Hove ; soprattutto ha due interpreti di notevole livello : una Karita Mattila ancora ottima attrice e Annette Dasch perfetta nel ruolo di Jenny .Il tenore austriaco che non conoscevo è notevole , ma sono tutti vocalmente molto bravi , solo non so se questa sia la migliore rappresentazione della parabola brechtiana.

La Tosca non la si può vedere in chiaro , ma mi si dice che fosse problematica ..se non brutta . Ne parleremo in seguito.

Otello versus Otello

  

Momentaneamente ( spero) a mobilità ridotta ,per festeggiare il Nostro mi guardo in sequenza l’Otello di Londra e quello di Monaco , questo secondo praticamente in simultanea della ripresa.

A Londra c’era Shakespeare , ridotto abilmente da Boito , al quale vanno perdonati “il ciurmador, Il mio pensiero è fello e soprattutto il ridicolo orai”…

ma soprattutto si sente tutta la forza del vecchio Verdi e c’è una logica orribile e facile insieme che è alla base della potente e straordinaria storia del Moro di Venezia.

Nella , per me sbagliatissima versione monacense c’è una signora che evidentemente ama di più le donne , ma non nel senso della  la povera giovinetta ingenua veneziana che cade in una trappola tanto semplice quanto inevitabile.

No , qui la signora Niermeyer ha deciso di raccontare di una signora stanca del marito un po’ cotto in tutti i sensi  e che ama giocarci un po’ come il gatto col topo.

Ma poi non torna il discorso , perché con questa logica il tradimento con il giovine Cassio ci starebbe tutto , un po’ meno la reazione dolente , rabbiosa e folle del marito .

Insomma ci racconta una storia ben recitata , accurata ma in lieve slittamento tra la musica , il testo e la rappresentazione che ne vuole dare .

Le sarebbe probabilmente piaciuto cambiare anche il nome del protagonista , a lei interessa molto più Desdemona agée che non lo stanco soldato ( peraltro interpretato magistralmente dal solito attore / mostro che riesce ,obbediente da vero professionista tedesco ad attaccare “ il carro dove vuole il  padrone”.

Dal confrono tra le due versioni è talmente vincente quella londinese da non lasciare il benchè minimo margine di dubbio , perchè anche il vituperato Vratogna risulta più aderente al ruolo del manierato Finley , che in qualche momento sembra addirittura uscito da una rappresentazione mozartiana , periodo Da Ponte.

Quello che invece Monaco ci regala è la lettura sublime di Petrenko , io amo tantissimo Pappano e il suo Verdi è forte e ineccepibile , ma Petrenko tira fuori dall’orchestra e dal coro momenti quasi inediti della partitura , non so giudicare musicalmente , sono una orecchiante ascoltatrice e forse la sua potrebbe essere una interpretazione molto personalizzata .

Certo che ascoltato ad occhi chiusi questo Otello resterà una straordinaria pietra di paragone.

Un giorno importante

Chi lo avrebbe mai immaginato quando tanti anni fa avevo cominciato a scrivere di lui che sarei arrivata , insieme alle folle oceaniche , a scrivere un pezzo sul suo cinquantesimo compleanno!

Ebbene , oggi 10 luglio 2019 Jonas Kaufmann , tra il rullare dei tamburi e osannato nei cinque continenti compie cinquanta anni.

Io , che avevo cominciato a tenere un blog proprio per raccontare di lui , delle tante , tantissime volte che gli sono andata dietro per sentirlo e vederlo calcare le scene di mezzo mondo non potevo proprio esimermi da non scrivere oggi su di lui e ho scelto , una volta tanto , di scrivergli una lettera , visto mai che un giorno magari la legga pure.

Carissimo Jonas 

da quando ci siamo incontrati la prima volta , ma tu questo non lo puoi sapere  perché mentre tu cantavi alla Scala  io ti vedevo da casa in televisione , sono passati tanti anni nei quali tante , tantissime volte ti ho sentito cantare e ti ho anche incontrato qua e la all’uscita dei teatri e anche spesso in backstage.

Ebbene in tutti questi anni in cui intorno a te cresceva quel successo planetario che ti meriti io sono stata gratificata e contenta dei nostri incontri .

Potrei dire che in qualche modo hai reso molto più allegra la mia vita quando ormai la vita di gioie infantili te ne da poche.

Ho scritto tanto su di te , addirittura quattro piccoli libri che devotamente ti ho consegnato , ho apprezzato le tue “prise de rôle”, le tue fantastiche Liederabend e piano piano mentre io invecchiavo e tu crescevi di fama nel mondo , mi hai fatto compagnia , come un figlio ( il mio quarto figlio ) come spesso ti dico e tu fai la tua grande sonora risata.

Oggi che anche te sei davvero grande e io sempre più piccina voglio mandarti il mio augurio speciale insieme al grazie sincero per tutto quello che attraverso la tua arte mi hai regalato.

Voglio chiudere con un ricordo , uno dei tanti , che mi racconta molto di te :

eravamo a Cesky Crumlow , ti consegnavo il mio secondo libro e ti ho detto che che sarei stata contenta di ascoltarti nell’aria di Marietta dalla DieTote Stadt.

Tu , con quell’atteggiamento gentile che hai con tutti , chinando la testa di lato verso di me che sono tanto piccola mi hai detto incuriosito : perché, ti piace davvero?

Perché questo è il tuo fascino , sei curioso con tutti , attento e sincero ; quella sera poi quell’aria non la cantasti anche se era nel programma ( forse la tua partner sudcoreana non la conosceva) e mi rimase la voglia di sentirti.

Ebbene , ho già in tasca la prenotazione e la data della rappresentazione di Die Tote Stadt futura .

Quella sera verrò ad abbracciarti e dirti grazie di persona per tutte le gioie che mi hai dato in questi lunghissimi anni che in qualche modo abbiamo passato insieme.

Oggi per te è una giornata particolare se anche il piccolo canale Classica della piattaforma Sky Italia ti regala l’intera giornata.

Spero tu sia con Christiane , con i tuoi tanti figli grandi e col piccolo V. di cui allegramente a Londra mi hai rivelato il nome.

Un abbraccio e arrivederci a Monaco , tra poco più di due settimane…

la tua affezionatissima grupie 

                                                 Adriana


L’eredità di Pina Bausch

Sul bellissimo canale culturale ARTE’ , adesso visibile anche in Italiano si può vedere un documentario di quasi un’ora sul momento attuale della mitica compagnia di danza fondata a Wuppertal da Pina Bausch.

Oggi esiste anche una Fondazione a lei intestata e nel video c’è anche una bella intervista al figlio Salomon Bausch.

Ho molto amato il teatro danza di Pina Bausch e proprio per questo il 30 giugno 2009 ero a Spoleto , al Teatro Nuovo per vedere l’ultima produzione della grande coreografa.

Prima dell’inizio arrivò la notizia della morte improvvisa di Pina e i ballerini si esibirono lo stesso , piangendo .

Ricordo quel giorno con immensa emozione : lo spettacolo si chiamava Bamboo ed era il solito miracolo di poesia della grande coreografa.

Pina aveva fondato la sua compagnia nel 1973 e nel tempo furono quaranta le sue produzioni. tra cui il mirabile Cafè Müller , nel quale danzava anche lei, che  risale al 1978  e lo sconvolgente Sacre du Printemps .

Lavorò anche a Palermo con uno stupendo spettacolo in collaborazione con il teatro Biondo e io avevo cercato , per quanto mi è stato possibile di andare in giro a vedere le sue produzioni.

Adesso , dopo dieci anni dalla sua scomparsa , la compagnia sta cercando una nuova strada , ripetendo il suo metodo straordinario affidandosi ad un giovane coreografo e il nuovo  spettacolo ha cominciato a girare nel 2019 a Londra e a Parigi.

Il documentario racconta questo e molto altro ancora .

Una delle danzatrici di Pina racconta che su YouTube i giovanissimi seguitano a rivedere le creazioni ormai storiche , sembra addirittura che le preferiscano a più moderne e provocatorie creazioni di danza.

Difficile spiegare Pina a chi non l’ha conosciuta : la sua ironia , la sua poesia , il suo teatro sono unici e forse irripetibili.

Spero che la compagnia , attuando un metodo che fu suo riesca a ritrovare una vena di creatività , altrimenti finirà per essere solo una compagnia storica che ripropone tutto quello che la Bausch ha creato nel tempo.

Da quello che si vede nel documentario mi pare che la strada del rinnovamento sia positiva e spero che , magari in futuro, la compagnia torni ad esibirsi anche in Italia.

Salome in versione nazi

Seduta davanti al computer attendo fiduciosa di vedere la Salome da Monaco.

Scena aperta , senza sipario ( già visto a Parigi per il Don Carlos) capisco già che Krzysztof Walikowsky ne ha pensata una delle sue.

Libreria rabbinica , tanti libri sugli scaffali , spostamento temporale verso il periodo pre-naziata.

Un prete con borsa da donna , velo in testa : è Pavol Breslik , bravissimo anche successivamente a fare il morto canta con voce femminile in playback uno dei Kindertotenlieder di Mahler, ebrei con facce da caricatura ebraica gli rubano la croce dal petto .

Poi finalmente il mago Kiril Petrenko alza la bacchetta e comincia l’opera .

La sua è una Salome bellissima , lirica e suggestica , ma dal grande direttore c’era solo da aspettarsi questo risultato.

Una sensazione di deja-vu totale : non c’entra nulla con la storia biblica e men che meno con la raffinatissima Salome di Oscar Wilde da cui ha preso l’ispirazione con il più grande risultato provocatorio del suo tempo Richard Strauss.

La biblioteca che si apre su una  piscina ( citazione di una sinagoga trasformata in piscina per la gioia dei nazi occupanti ) , Johannah straccione, ,Prinzessin isterica quanto basta ( una Marlis Petersen bravissima attrice , cantante , ballerina impietosamente inquadrata da vicino se ne ammira la qualità teatrale , un po’ meno la sua credibilità di giovinetta.)

Fantastica Manuela Schuster , perfetta Erodiare , in un ruolo che le si taglia addosso perfettamente.

Ma torniamo al regista : cita di tutto , evidentemente ha qualche problema se anche i pannellli dei disegni ( peraltro bellissimi) che proiettano sullo sfondo della mitica danza siano pitture perdute di qualche altra sinagoga bruciata dai soliti invasori , fino alla resurrezione finale di Nabarroth per concludersi con suicidio collettivo di tutti gli ebrei , successe davvero in Polonia , da qualche parte .

Tutto questo lo si legge nel programma , molto dettagliato di informazioni relative alle scelte registiche molto , ma molto datate del sullodato Warlikowsky.

Mistero sul perchè il paggio sia trasformato in giovine donna innamorata di Pavol ( un’ottima Rachel Wison , ormai fissa a Monaco , era Emilia nell’Otello) , mistero perché la testa di Johannah stia in una scatola con vistoso numero richiamante il marchio sulle braccia dei prigionieri dei Lager ( poi la Petersen la tira fuori in piazza per la gioia degli spettatori dell’Opera für Alles), mistero sul fatto che il profeta decapitato rientri in scena sul finale fumandosi una sigaretta con indifferenza , mistero sull’insanguinato armato di pistola che minaccia i poveri ebrei ( era già uno dell’Isis arrivato fuori dallo spazio temporale?)

Tutto questo per dire che a un certo punto deve esistere un limite alla mapolazione registica  e sono una di quelle che le regia all’antica proprio non le regge più , ma i salti temporali , le rivisitazioni che tolgono anziché aggiungere dimostrano solo un certo disprezzo per l’opera nella sua originalità e tolgono fascino , laddove invece di fascino musicale ce n’è moltissimo.

Ho sentito un grande buuuhhh alla fine , sommerso ovviamente dagli applausi meritati per  tutti gli interpreti e soprattutto per il grande direttore capace di farti scoprire sempre qualcosa di più anche in un’opera che credevo di conoscere perfettamente.

Penso che ormai sia uso invalso la provocazione per i poveri spettatori quando anche Michieletto fa ballare il Twist sulle note dei fantastici valzer viennesi della Vedova allegra , ma questo mi porta fuori tema , direbbe la mia mamma maestra.

Non cito tutti gli interpreti che si muovono con la grande professionalità alla quale ci ha abituato da tempo l’Opera di Stato della Baviera , come pure l’orchestra perfetta come sempre sotto la bacchetta del Mago.

Comunque dopo il Don Carlos nella gabbia dei polli con cesso a vista dal regista polacco non c’era da aspettarsi niente di meglio.

Navigazioni

Mi scusino i miei affezionati lettori se seguito a parlare di mare e dei miei ricordi marinari . 

Ho circumnavigato l’isola di Malta ben tre volte , perché tante sono le volte che ho partecipato alla Middle Sea Race , una regata importante e per questo mi permetto di intervenire sulle farneticanti affermazioni dell’attuale ministro della paura.

Il Mediterraneo é un mare difficile e il canale di Sicilia una brutta bestia . Sentirlo dire in televisione con sicumera che oggi «  il mare era piatto » e che  quindi la barca  avrebbe potuto farsi cento miglia con una quarantina di persone in coperta  su una barca a vela di venti metri è una frase idiota , per me quasi offensiva per una qualsiasi media intelligenza.

Fa il paio con quell’altra affermazione idiota che riguardava la Seawatch ,secondo i nostri aspiranti Magellano avrebbe dovuto andare in Olanda con il suo carico umano.

A certi politici forse bisognerebbe anche regalare qualche carta geografica oltre al manuale dell’allievo della Federazione italiana vela.

Quando navigavo io in mare si  cominciavano già a incontrare vere isole di agglomerati di plastica, però si incrociavano festosi delfini e addirittura , se si aveva fortuna anche qualche balena,

Non voglio entrare nel discorso che riguarda le ONG e nel discorso anche più complesso che riguarda il grande problema delle migrazioni di migliaia e migliaia di persone , so però per certo che mai e poi mai avrei pensato di non soccorrere una barca in difficoltà in mezzo al mare.

Ci sono regole scritte e regole scolpite nel cuore di chi naviga , i naufraghi vanno sempre e comunque aiutati e portati in salvo.

Noi siamo , per destino geografico  quella specie di pontile su cui poggia l’intera taciturna e imbarazzata Europa , certamente non possiamo trasformarci in benefattori di tutta l’Africa , ma non possiamo tollerare questa assurda guerra di propaganda strumentale dell’uomo solo al comando . 

Ricordi eoliani

Ci ho girato intorno tante volte all‘isola di Stromboli , in regata o quando eravamo in crociera nelle Eolie e ogni volta quella montagna fumante mi ha sempre provocato un brivido di sgomento.
Ricordo una notte senza vento , la barca procedeva lenta e noi sotto la Sciara di fuoco vedevamo rotolare in mare lapilli incandescenti , lo sguardo era incantato dallo spettacolo , ma anche intimorito .

Non mi è dispiaciuto quando si è alzata una bava di vento e ci siamo lentamente allontanati dall‘isola.
Ma la volta che mi ricordo con più emozione fu quando all‘ancora in rada , si chiama Peppe e Maria , il mio avventuroso consorte e figli decisero la scalata notturna al vulcano .
Loro contattarono la guida , io sarei rimasta a bordo , a controllare l‘ormeggio. Mi addormentai presto quella sera e verso mezzanotte fui sballottata qua e la , quasi caddi dalla cuccetta .
I miei prodi non erano tornati , andai in coperta e a occhio e croce la barca si era mossa , ma non di molto . Sveglia come un grillo mi misi a traguardare la costa , il moletto e le altre barche .
Non mi pareva stesse succedendo più nulla , ma il sonno era sparito e per prudenza accesi il motore pregando tutti i santi e le madonne isolane che i miei tornassero al più presto .
Invece i miei prodi tornarono solo al mattino , l’onda anomala aveva gettato lontano il nostro tender e senza mezzi non potevano rientrare .
Così mentre l’equipaggio dormiva a terra la povera custode se ne stava a bordo sola sola.
La mattina arrivarono su una barca ..presa a prestito e comincio‘ la ricerca del nostro gommoncino . Giro totale dell‘isola e lo vedemmo a terra , ma a Ginostra,
Per riaverlo dovemmo pagare il salvataggio in mare …nonostante che portasse ben scritto Tender to Gap sulla fiancata . Ma ci raccontarono di averlo trovato dalle parti di Strombolicchio , come contraddirli?
Non mi diedero nessuna soddisfazione circa la mia nottata solitaria , ma l‘onda anomala c‘era stata davvero , ed era andata bene che non mi si fosse mollata l‘ancora!
Il ricordo più bello però resta il meraviglioso pesce spada , più grande del barchino su cui era adagiato . Quei tranci freschi comprati sulla nera spiaggia furono una delle mie più belle performance culinarie mai realizzate.

L’opera

Il mondo della lirica ha in se una componente fiabesca , irrazionale , incantata che va bene aldilà del testo e della musica .

L’opera incanta lo spettatore per la somma di tutte le emozioni che regala e qualche volta è addirittura il risultato magicamente combinato di tutte queste  emozioni  che lo spettatore , anche il meno culturalmente preparato,riceve .

Un delizioso esempio è nel film Pretty Woman , passato chissà quante migliaia di volte sui teleschermi e che ancora , incredibilmente attira per la grazia fiabesca della storia e non solo.

C’è a mio avviso nella stupenda scena della visione della Traviata a San Francisco , quando la reazione della spettatrice musicalmente digiuna  ( la messa in scena è quanto di più orribilmente datato e americano ci possa essere) viene raccontata dalle sue emozioni e dall’attenta reazione ad esse del suo incuriosito partner.

Traviata vive la sua storia , a specchio e senza rendersene conto , vive il dramma di Violetta fino al sublime commento  quando la vicina di palco le chiede se le è piaciuta : mi si sono intorcinate le budella! ed è una frase cult che si ripete per sempre nelle menti degli spettatori.

Un diverso modo di sorridere entrando anche solo di straforo nel mondo operistico ce lo offre il sultano dell’Oman che , beato lui , con i suoi petroldollari si è regalato un luccicantissimo , brillante di marmi e di ori, Teatro dell’Opera .

Quest’anno è stata rappresentata la Lakmè di Léo Delibes portata in Oman dal teatro dell’opera di Genova .

Curiosamente la messa in scena è , diciamo così, in abiti moderni ma il bello arriva quando  il documentario inquadra gli spettatori che sono molto ,ma molto pù in maschera dei cantanti sul palcoscenico.

Gli eleganti ospiti provenienti da tutti gli Emirati sono con i loro abiti da sera decisamente più in costume , e che costumi!, dei cantanti in scena .

Effetto deliziosamente straniante  , miracolo della lirica , dove “ogni dramma è un falso”.

Non riesco a sottrarmi alla domanda di rito che tutti i mediamente melomani spettatori italiani mi pongono: ha visto la Traviata di Zeffirelli dall’Arena di Verona ? Si stupiscono alla mia risposta negativa . Avevo rivisto per la centesima volta la Boheme scaligera , ancora una volta colpita dalla meravigliosa direzione di Von Karayan  ma non avevo avuta nessuna curiosità per questa ennesima Traviata postuma che , sapevo, non mi avrebbe detto niente di nuovo. 

Si stupiscono i miei interlocutori , per loro l’ultima zeffirellata avrebbe dovuto diligentemente interessarmi, ed è fatica sprecata spiegare che io , embè , magari trovo più interessanti alcune messinscene meno tradizionaliste .

Fatica sprecata , si va a teatro abbastanza poco dalle nostre parti , e capire che ci sia stata una notevole variazione del gusto lascia perplessi se non un pò offesi i miei interlocutori.

Forse però sono io che sbaglio , la magia dell’Opera arriva per tante strade e se nei nostri cartelloni ci sono sette Traviate , cinque Butterfly e un bel tot di Rigoletti va bene lo stesso, l’importante che agli spettatori arrivi il momento magico nel quale “gli si intorcinano le budella”.

Siamo europei

Non ci hanno fatto una gran bella figura i deputati inglesi pro Brexit al Parlamento Europeo girando le spalle all’Inno alla gioia-

Oggi un’amica inglese chiede scusa sul web per questo comportamento a tutti gli appartenenti al gruppo di cui lei ed io facciamo parte.

Avrei voluto risponderle che anch’io le devo le scuse per il comportamento del Governo italiano che non mi rappresenta per la brutta storia della Seawatch .

Siamo europei , anche gli imbecilli che ci voltano le terga , incantati da quel cialtrone di Neil Farage , siamo europei anche noi con i nostri governanti ugualmente cialtroni che comunque democraticamente e sicuramente per ignoranza  in molti hanno contribuito ad eleggere.

Siamo in un momento storico molto difficile , pressati da Sud e da Est da migliaia e migliaia di diseredati della terra che premono ai nostri confini : fuggono da guerre , fame e carestie e noi ci illudevamo di avere frontiere sicure , nelle nostre case , come ci ha lasciato scritto Primo Levi.Non siamo sicuri e la nostra vecchia Europa che non combatte più al suo interno si trova impreparata ad affrontare questa sconvolgente migrazione epocale

Però i ragazzini che a Salisburgo chiedono al Presidente della repubblica italiana , che sta andando a Casa Mozart ,libertà per Carola Rackhete  , rappresentano quel filo di speranza che cerco di serbare , per le nuove generazioni.

Loro parlavano in italiano , magari con quelle belle erre dure austriache e a me è  venuto in mente quel ragazzino magico che nel Settecento girava l’Europa incantandola per sempre con la magia della sua musica ,quel ragazzo che scriveva le sue meravigliose opere anche in italiano , quel giovane allegro e disperato che sicuramente non viveva un tempo più felice del nostro.

Intanto a Bruxelles intorno a quel tavolone fiorato i ventotto meno uno fanno i giochetti : io ti do una cosa a te tu mi dai una cosa a me . La mia più grande ammirazione va ancora alla grande perdente Angela Merkel , stanca , provata e apparentemente sconfitta consuma l’ultima fatica con la grande dignità che ha sempre mostrato.

In compenso noi siamo rappresentati da un damerino etero-diretto che riuscirà a portare a casa sicuramente il solito bell’esempio di doppiogiochismo italiano.

Oggi chiudo qui , volevo parlare di opera lirica , avevo in mente tutta un’altra cosa ,sicuramente più divertente, ma la tristezza mi ha preso la mano . Fa molto caldo, nell’immediato spero solo di avere buone notizie per quanto riguarda la Capitana. Over.